Questo sito utilizza unicamente cookie tecnici (cookie di sessione, analytics e cookie di funzionalità).
Per saperne di più e per negare il consenso all’utilizzo dei cookie, clicca qui

Al Saie un libro e un convegno per chi si occupa di progettazione. Dalla responsabilità civile alla Merloni. Il nuovo panorama normativo-assicurativo

Ha luogo nel corso dell'edizione 2001 del Saie, la fiera leader nel settore della progettazione, un convegno organizzato dal gruppo Zurich Italia, in collaborazione con BolognaFiere ed Edilio, il portale di riferimento per i progettisti. L'incontro costituirà anche l'occasione per presentare il libro, edito dal Sole 24 ore e curato degli esperti della Zurigo, "I progettisti e le Assicurazioni".

Milano, 18 ottobre 2001 - Un libro ed un convegno per fare chiarezza su tematiche spesso controverse e, talvolta, poco chiare, come la responsabilità civile dei professionisti, l'attuale ordinamento giuridico, le esigenze assicurative di chi opera nel campo della progettazione. Il gruppo Zurich Italia, leader a livello internazionale nel settore assicurativo e finanziario, ha voluto, in questo modo, mettere a disposizione di tutti gli esperti che operano in campo edilizio - ingegneri, architetti, geometri ed agronomi - il proprio patrimonio di conoscenze e competenze e l'esperienza maturata in questo specifico campo.

Il convegno, che ha luogo giovedì 18 ottobre, alle 14.30, presso la Sala Allemanda (padiglione 33 - ingresso Aldo Moro) vedrà l'intervento di autorevoli esperti che affronteranno varie tematiche: dall'ordinamento giuridico al concetto di responsabilità civile, dalle soluzioni assicurative personalizzate alla presentazione di case-history. L'incontro rappresenta un utile strumento a disposizione di tutti i progettisti per orientarsi nel panorama legislativo italiano: l'attuale Legge Merloni (109/94) ha, infatti, introdotto l'obbligo di assicurazione da parte di ingegneri, architetti, geometri, rendendoli, di fatto, non più "semplici" tecnici, ma professionisti direttamente responsabili nelle varie fasi di progettazione, direzione ed esecuzione dei lavori.
E' in quest'ottica che è nato il libro "I Progettisti e le Assicurazioni",
L'obbligo di assicurazione introdotto dalla Merloni se, da un lato, ha ribadito l'importante ruolo dei professionisti della progettazione, dall'altro, li ha obbligati a confrontarsi con un contesto, quello normativo, con il quale il progettista spesso non ha familiarità. Da qui le contraddizioni e i dubbi. Sulla base di questi presupposti nasce il libro "I Progettisti e le Assicurazioni" realizzato dagli esperti di Zurich Italia Nicoletta Fiore, Giuseppe Schieppati, Pierfranco Gabasio, in collaborazione con l'ingegnere Fabrizio Salvaneschi e l'avvocato Daniele Cattaneo. Il testo, oltre ad offrire un inquadramento e chiarimento teorico di quanto avvenuto nel corso degli ultimi anni sul piano legislativo, si pone come un manuale operativo: uno strumento concreto al servizio di chi si occupa di progettazione. Accanto ad una chiara illustrazione del concetto di responsabilità civile professionale e delle norme giuridiche che regolano questo tipo di attività, l'opera fornisce una serie di utili riferimenti per la valutazione e l'eventuale scelta della soluzione assicurativa più adeguata alle diverse situazioni e alle personali esigenze lavorative. Il libro è corredato con la descrizione di sinistri realmente accaduti e fornisce indicazioni concrete sulle misure, spesso più semplici di quanto si possa pensare, che si sarebbero potute adottare nei singoli casi presi in esame. La collaborazione con Il Sole-24 Ore nasce dalla ferma convinzione del gruppo Zurich Italia che il ruolo di una compagnia di assicurazioni non debba limitarsi alla semplice proposta di una copertura assicurativa in grado di soddisfare le richieste di legge, ma debba andare ben oltre, fino a divenire quello di un vero e proprio partner, in grado di consigliare il proprio assicurato e di aiutarlo ad orientarsi con sempre maggiore facilità e destrezza all'interno della giungla delle normative, per permettergli di gestire con sempre maggiore padronanza le competenze che gli vengono richieste. Sempre in questo contesto deve essere inquadrata la collaborazione della Zurigo con Edilio.