Questo sito utilizza unicamente cookie tecnici (cookie di sessione, analytics e cookie di funzionalità).
Per saperne di più e per negare il consenso all’utilizzo dei cookie, clicca qui

2001 positivo per Zurich Italia: utile a 60 milioni di euro e crescita della raccolta del 13,2%

Lo sviluppo qualitativo del comparto assicurativo ha garantito a Zurich Italia anche un sensibile miglioramento del rapporto tra sinistri e premi

Milano, 19 aprile 2002 - Risultati positivi e buoni utili per il gruppo Zurich Italia, consociata italiana di Zurich Financial Services, il colosso svizzero specializzato nelle assicurazioni e nelle attività di risparmio gestito. L'anno 2001 ha segnato in Italia una raccolta complessiva di premi pari a 1.273 milioni di Euro (nella gestione precedente furono 1.124), con una crescita del 13,2% determinata da un sensibile aumento nei premi dei Rami Danni (+16%) e da un trend positivo del comparto Vita (più 6,9%).

Tra i principali dati di bilancio spiccano anche il miglioramento del rapporto sinistri/premi attestatosi su 4,5 punti percentuali ed un utile IAS (International Accounting Standard) che passa dai 43,3 milioni di Euro dell'esercizio 2000 a 60 milioni di Euro del 2001. Nonostante le minus-valenze registrate a causa della difficile situazione dei mercati finanziari, anche l'utile locale è stato positivo, attestandosi a 9,3 milioni di Euro (nel 2000 fu di 45,8 milioni di Euro, in parte derivanti dalla fusione della ex compagnia Zurigo Vita nella società Zurich Investments Life). Va infine aggiunto che l'utile di Gruppo ha sofferto del risultato complessivamente negativo (-3,7 milioni di Euro) delle società di asset-management, che hanno maggiormente risentito degli incerti andamenti di borsa.

L'attività 2001 ha inoltre registrato un altro importante traguardo: il raggiungimento di 1 milione e 255mila clienti assicurati.

Rami danni

Nei Rami Danni i premi raccolti nel 2001 hanno segnato un incremento globale del 16% pari a 903 milioni di Euro (nel 2000 era stata di 779 milioni di Euro): si tratta di un risultato che va ben oltre la media stimata del mercato nazionale. Nel dettaglio, la raccolta RC Auto è cresciuta del 17,7% evidenziando un miglioramento nella loss-ratio derivante dalla politica di crescita selettiva attivata dal gruppo Zurich in questi anni. E' anche aumentato il numero di clienti cresciuto globalmente di circa 100mila unità, di cui 80mila nel segmento di business della Personal Line.
Anche la raccolta Extra Auto è andata bene con un 14,2% di incremento complessivo, caratterizzato da un +19% della property-line in generale e di quella delle medie e grandi aziende in particolare. I Rami Trasporti, Cauzioni e Credito hanno a loro volta fatto segnare un aumento di raccolta pari al 10,3%. E' inoltre da segnalare il miglioramento complessivo (Auto ed Extra Auto) della loss-ratio, attestatosi su 4,5 punti percentuali.

Ramo vita

Il primo anno caratterizzato dal nuovo sistema fiscale è coinciso con un mercato del Ramo Vita particolarmente ristagnante nel corso dei primi mesi del 2001, ma segnato da una progressiva crescita nei mesi successivi. La raccolta di Zurich Investments Life, la compagnia vita del gruppo Zurich Italia, anche grazie al lancio di prodotti particolarmente appetibili per il mercato (tre index-linked e polizze con capitali garantiti), è cresciuta a fine anno del 6,9%, passando da 346 milioni di Euro del 2000 a 370 milioni di Euro. In questo modo si è attestata ai vertici del mercato per raccolta tra le compagnie vita tradizionali prive di accordi di distribuzione con banche. A dimostrazione della validità della politica commerciale implementata con il lancio di nuovi prodotti, le nuove polizze index hanno raccolto oltre 50 milioni di Euro. Il business vita ha inoltre beneficiato di un buon numero di accordi commerciali avviati con banche locali intermediate da Agenti e di due accordi diretti con banche regionali, che in pochi mesi di operatività hanno portato una raccolta di oltre 4 milioni di Euro.

Accordo Zurich-Deutsche Bank

Nel 2001 è stato siglato l'accordo internazionale tra Zurich Financial Services Group e Deutsche Bank. A livello italiano, questo porterà alla cessione delle società di asset management Zurich Investments, a Finanza e Futuro e all'assorbimento nel gruppo Zurich Italia della compagnia D.B. Vita (320 milioni di Euro di raccolta premi-vita nel 2000). L'accordo, che verrà ufficializzato non appena sarà concluso tutto l'iter burocratico, prevede, tra l'altro, la vendita di prodotti assicurativi Zurich presso gli sportelli del gruppo bancario.

La rete di vendita di Zurich Italia è oggi costituita da 510 agenzie diffuse su tutto il territorio nazionale. Di queste, ben 316 annoverano all'interno della loro struttura di vendita un Promotore Finanziario della società Zurigo Sim, la rete di agenti-promotori che, malgrado le difficoltà del mercato, ha registrato nel 2001 una raccolta di 142 milioni di Euro.

I nuovi progetti

Tra i principali progetti che hanno caratterizzato la gestione di Zurich Italia nell'anno passato vanno evidenziati l'avvio dell'attività di E-commerce, l'implementazione delle vendite attraverso il servizio telefonico Zuritel esteso anche ad altri Rami Danni oltre che alla tradizionale RC Auto, il potenziamento dell'attività di Worksite Marketing, finalizzata a fornire servizi assicurativi e previdenziali ai dipendenti di grandi aziende (sono stati attivate 28 convenzioni di cui 16 pienamente operative).

Nell'ottica di una politica commerciale sempre più attenta ai segmenti di mercato, Zurich Italia ha ridefinito la sua struttura, che oggi è fortemente orientata ai target. In base a questa impostazione sono state costituite strutture commerciali e di marketing dedicate ai segmenti Consumer, Commercial e Corporate. In quest'ultimo ambito è nata, alla fine del 2001, Continental European Corporate (CEC), un'unità operativa esclusivamente dedicata alle grandi aziende multinazionali, che attraverso una struttura di network offre soluzioni assicurative a livello globale.

Nel corso dell'anno passato è infine stata potenziata, con una corposa serie di investimenti, la piattaforma di collegamento tra servizi di Direzione ed i canali di vendita periferici (Agenti e Brokers), collegati oggi in rete per poter disporre in tempo reale di tutte le informazioni necessarie al sostegno della vendita e per una sempre più puntuale consulenza al Cliente.