Questo sito utilizza unicamente cookie tecnici (cookie di sessione, analytics e cookie di funzionalità).
Per saperne di più e per negare il consenso all’utilizzo dei cookie, clicca qui

Le attività relative al business danni del Gruppo Zurich in Italia, dal 1 gennaio 2010, verranno gestite dalla filiale italiana della Zurich Insurance plc.

Milano 9 dicembre 2009.
Nell’ambito di un progetto paneuropeo finalizzato a una maggiore semplificazione di tipo amministrativo e gestionale, Zurich Financial Services sta riorganizzando la struttura giuridico-societaria in cui si articola il business nel settore Danni in Europa.

L’operazione è stata già portata a termine in Gran Bretagna, e sarà effettiva dal 1 gennaio 2010 in Italia, Portogallo e Spagna, dopo l’approvazione delle autorità di regolamentazione locali. La stessa operazione è prevista anche in Germania. Pertanto dal 1 gennaio 2010 le attività nel settore Danni dalla filiale della società svizzera Zurich Insurance Company Ltd vengono trasferite alla filiale italiana della società Zurich Insurance plc, con sede a Dublino. In questo modo Zurich potrà cogliere le opportunità derivanti dall’operare nell’ambito del mercato unico europeo e nel quadro della normativa comune UE.

In Italia, l’operazione comporta la cessione alla filiale italiana dell’irlandese Zurich Insurance plc del ramo d’azienda relativo al business Danni della filiale italiana della svizzera Zurich Insurance Company Ltd e di una piccola parte del portafoglio polizze della compagnia diretta Zuritel S.p.a. Entrambe le operazioni sono state approvate dall’Isvap, che continuerà ad essere l’authority di riferimento della filiale italiana di Zurich Insurance plc per quanto riguarda la tutela dei clienti e dei danneggiati.

Come negli altri paesi interessati, l’operazione non comporta impatti di rilievo in termini di operatività. Per i clienti non vi sarà alcuna variazione nelle condizioni contrattuali, prestazioni, premi, scadenze e tutele relative alle polizze in essere. Analogamente, per i 1.400 dipendenti della filiale italiana non vi saranno variazioni né nei contratti né nella sede di lavoro.