Questo sito utilizza unicamente cookie tecnici (cookie di sessione, analytics e cookie di funzionalità).
Per saperne di più e per negare il consenso all’utilizzo dei cookie, clicca qui

In un libro raccontata la case-history del gruppo Zurigo

di Alessandro Lucchini
Edizioni "Il Sole 24 Ore", Milano.

Milano, 20 marzo 2001 Il mercato dei servizi assicurativi e finanziari ha vissuto un decennio di rapidi e sostanziali cambiamenti. Un periodo di grandi sfide e di opportunità per le imprese, e che rappresenta un forte interesse per chi studia le scelte strategiche e organizzative aziendali. In questo scenario di trasformazione si colloca, come storia di successo, il caso Zurigo, il gruppo assicurativo e finanziario condotto in Italia da Adolfo Bertani .
È questo il tema analizzato nel volume Change Management nelle assicurazioni. Il caso Zurigo come chiave di lettura dell'innovazione nel settore, scritto da Alessandro Lucchini e pubblicato da Il Sole 24 Ore.

 

Ecco in sintesi la struttura del libro.

Il mercato: i nuovi confini, la nuova fisionomia. Lo scenario del mercato assicurativo e finanziario degli anni Novanta e i suoi elementi di turbolenza: cambia la cultura e cambiano le esigenze del cliente, cambiano i confini e la fisionomia del mercato, cambiano gli assetti strategici-organizzativi dei suoi attori principali. In questo generale cambiamento, il caso Zurigo assume subito una forte carica d'innovazione.

Il Gruppo Zurich Italia verso il 2000. Attento ai cambiamenti che si manifestano nel mercato, in parte interpretandoli e in parte anticipandoli, il Gruppo Zurich Italia propone agli inizi degli anni Novanta una nuova visione d'impresa (new vision), e una precisa metodologia per attuare quella visione (roadmap), che salvaguardano allo stesso tempo la coerenza internazionale e le specificità locali del gruppo.

Il cambiamento in Italia: la segmentazione strategica e organizzativa. L'Italia recepisce le linee guida della casa madre svizzera e le esprime in due parole chiave: segmentazione, sul piano strategico, e ristrutturazione, su quello organizzativo. Prende così origine la politica di Target-Marketing, che divide il mercato in segmenti sempre più articolati di clientela e sostiene il modello d'impresa multispecializzata che Zurigo ha scelto a livello internazionale. Si sviluppano così capacità innovativa e marcate specializzazioni sia nell'area persone sia nell'area aziende.

L'evoluzione organizzativa. Accanto alla segmentazione del mercato, l'altro aspetto che ha caratterizzato la trasformazione di Zurigo Italia negli anni Novanta è l'evoluzione organizzativa. Un cammino che parte già, all'inizio del decennio, da un modello innovativo voluto e perfezionato dallo stesso presidente Bartani, centrato sulle competenze, più che sulle strutture; che passa dall'integrazione di tre società, Zurigo, Minerva e Danubio; e che proietta l'impresa nello sviluppo futuro con un patrimonio di competenze e di attitudini pronte ad affrontare ogni ulteriore cambiamento.

I valori distintivi del Gruppo Zurich Italia. I frutti delle più importanti innovazioni di Zurigo sono esaminati nel loro funzionamento attuale e soprattutto nei loro effetti sui vari pubblici: clienti, azionisti, personale. Si tratta dei valori della multispecializzazione, della multidistribuzione, dell'asset management, dell'information technology, del capitale umano e della comunicazione.

E l'innovazione continua. L'evoluzione strategica e organizzativa condotta dal Gruppo Zurich Italia negli anni Novanta porta a configurare l'immagine di un'impresa che ha una forte tensione verso l'innovazione. Il libro si chiude con un'intervista di Bruno Maggiolo (giornalista ed attento osservatore del panorama assicurativo e finanziario italiano) ad Adolfo Bertani, presidente e amministratore delegato del Gruppo Zurich Italia in Italia, che illustra come questa tensione si svilupperà nei prossimi anni.